Classifica « felici»: è il 10° comune in Italia Sale in classifica con servizi scolastici e trasporti. Non conta solo il reddito. Il sindaco: «Clima sociale sereno, si vive bene». Benvenuti a Zogno, paese del benessere. Qui non c’entra solo il reddito, il famoso Pil. A si sta bene anche per i servizi, la sicurezza e un clima sociale, dice il sindaco, «sereno»: ovvero conta il Bil (Benessere interno lordo). Sta di fatto che il capoluogo brembano (9.000 anime distribuite tra centro e una decina di frazioni più o meno popolose) è al decimo posto nazionale nella curiosa classica dei «Borghi felici», pubblicata recentemente dal «Centro studio Sintesi» di Mestre (con Clusone, 13°, poco distante). Usati 49 parametri Un’indagine che tiene conto di quanto guadagnano i cittadini e di altre 48 variabili, dall’istruzione alla partecipazione alla vita politica, dai rapporti sociali alla sicurezza, dall’ambiente alla salute.

Fatti un po’ di conti, alla fine Zogno finisce dietro Bardolino (Verona), il paese sul Garda primo nella classifica per qualità di vita, ma davanti a Desenzano (Brescia) a Cesenatico o ad Assisi. A far volare i punteggi del centro brembano, in particolare, sono cinque parametri. Tra questi c’è il numero di classi nelle scuole elementari (rapportate agli abitanti) dove Zogno è secondo in classifica: ci sono plessi nel capoluogo ma anche ad , , e . Altro criterio considerato positivo (per cui è sesto in Italia) è il basso numero di di alunni per classe, secondo la ricerca elemento che favorisce l’apprendimento. «È il frutto delle battaglie fatte in passato – dice il sindaco Giuliano Ghisalberti (Lega) – per cercare di tenere aperte le scuole nelle frazioni». Probabilmente legato ancora alla scuola l’elevato numero di bus (sono una cinquantina le corse scolastiche verso le frazioni) che fa schizzare il Comune al 15° posto in Italia per numero di mezzi (in rapporto alla popolazione). Riscossione veloce delle tasse C’è poi la partecipazione politica: secondo le statistiche Zogno è il decimo Comune in Italia per affluenza alle urne, considerando i dati tra il 2006 e il 2008.

«Questo è il segno di un buon rapporto che i cittadini hanno con le istituzioni e un riconoscimento del lavoro fatto negli ultimi anni», prosegue il sindaco. Altre curiosità: è considerato come elemento di benessere la presenza di ristoranti, luoghi che favoriscono la socialità, e Zogno è 15°. In quanto alla «velocità di riscossione» delle tasse dai cittadini o dei finanziamenti dovuti dagli enti pubblici superiori (Provincia, Regione o Stato), poi, Zogno sembra avere pochi rivali: è sesto in Italia.

In pratica i soldi dovuti a Zogno da chicchessia vengono subito incassati e messi a disposizione del paese. «Il merito è dell’ufficio ragioneria – dice il sindaco –. Anche quest’anno, per esempio, il recupero dell’Ici è stato notevole». Pochi furti e rapine Ultimo elemento in cui Zogno è in posizione discreta è il basso numero di furti e rapine: è al 49°posto. «Soprattutto nelle frazioni – aggiunge ancora Ghisalberti – c’è ancora forte il controllo dei cittadini. La microcriminalità è marginale». «Trovarsi davanti a Desenzano e altri centri turistici importanti e ben più ricchi – conclude il sindaco – è stata una piacevole sorpresa. Ma se la classifica tiene conto anche di servizi, tranquillità e rapporti sociali allora mi stupisco meno: da noi si vive bene». Nella classifica dei redditi Zogno è piuttosto indietro. Insomma, poveri (relativamente) ma… felici.

Giovanni Ghisalberti – L’Eco di

http://forum.valbrembanaweb.com/comuni-della-valle-brembana-f80/benvenuti-zogno-paese-del-benessere-t5403.html

Alberghi, pizzerie, ristoranti, appartamenti a ZognoFotografie immagini di ZognoEscursioni sui sentieri di ZognoManifestazioni a Zogno in media Valle Brembana