Gerosa – Sarà inaugurata domani mattina la prima farmacia di . Ad avviare il servizio nel piccolo paese dell’alta (360 residenti allo scorso 31 dicembre), sarà Crescenzio Colantuono, 45 anni, proveniente da Milano. Nel capoluogo lombardo Colantuono, da tre anni, lavorava in una grande farmacia in corso Buenos Aires, la Ambreck. Poi la decisione di trasferire lavoro e famiglia in Valle , rinunciando così alle comodità di vita in una grande città.

«Cercavamo aria pulita»
«Alle comodità – ci tiene a sottolineare – ma anche all’inquinamento e al grigiore. Io e mia moglie Mariana abbiamo avuto da pochi mesi un bambino e seppure il quartiere di Bisceglie, dove abitiamo, sia una delle aree più verdi della città, l’aria è davvero irrespirabile. Vorremmo che Marco, che ha solo 14 mesi, crescesse tranquillo e all’aria aperta, non chiuso in casa per via dello smog. Per questo ho partecipato al concorso (al quale hanno preso parte circa 6.000 persone, ndr) che ti consente di aprire la tua farmacia».

«Sono stato scelto tra i vincitori e quindi mi è stata data la possibilità di aprire il servizio in una delle 55 località di preferenza, tra le quali, al 39° posto, avevo indicato anche Gerosa. Già conoscevo la Valle Brembana e mi piaceva, così abbiamo cercato informazioni sul paese in Internet per poi venire anche in avanscoperta. Ci è piaciuto molto e ci siamo mossi per capire come organizzare la cosa: fortunatamente abbiamo trovato grande disponibilità da parte di tutti, a partire dall’amministrazione comunale e dagli abitanti».

L’esperienza nella metropoli
Crescenzio, Renzo per gli amici, ha alle spalle 15 anni di esperienza. Alcuni li ha trascorsi alla Ambreck in corso Buenos Aires a Milano, altri alla poco distante farmacia Nascimbeni. Fino a quando ha deciso di mettersi in proprio e ha partecipato al concorso che si tiene ogni due anni.

Si chiamerà come il paese
«Per ora mi trasferisco io – continua – mentre la moglie, che lavora a tempo indeterminato a Novedrate, arriverà a inizio estate. La farmacia è stata ricavata all’interno dei locali del vecchio panificio del paese, che ora ho preso in affitto, opportunamente risistemati nel corso dell’ultimo mese e mezzo. Avremo un orario molto flessibile e di sicuro daremo la nostra disponibilità a tenere aperto anche nei giorni festivi, perché vogliamo essere vicino alla gente, anche dei paesi limitrofi, e garantire un servizio simile in credo sia importante». «Anche il nome della farmacia vuole dimostrare l’affetto che proviamo per il paese – conclude Colantuono –. Non prenderà infatti il mio cognome ma il nome del paese, Gerosa». L’inaugurazione, con le autorità, è prevista domani mattina, dopo la Messa delle 10,30.

Silvia Salvi – L’Eco di Bergamo