Zogno – Si è conclusa con il brindisi e gli auguri di buone feste, ma l’avvio dell’ultima seduta di Consiglio comunale a è stato un po’ più «agitato». La parola al sindaco Giuliano Ghisalberti, con una comunicazione sulla realizzazione ormai prossima della variante all’ex statale 470 della , che bypasserà l’abitato con il duplice vantaggio di velocizzare il traffico vallare – con ovvi positivi riflessi sul turismo e le varie attività economiche – e di alleggerire il pesantissimo attuale transito quotidiano di oltre 23.000 automezzi, che dovrebbero ridursi a 7.000 abbattendo nel contempo un pesantissimo inquinamento atmosferico e acustico.

Stando alle ultime notizie, i lavori potrebbero iniziare già nel mese di febbraio 2011. «Mi ero impegnato a mantenere costantemente informato il Consiglio sull’evolversi della situazione – ha spiegato il sindaco –, per cui mi tengo io stesso costantemente informato nelle sedi competenti. È dei giorni scorsi la notizia che la Regione ha confermato il finanziamento promesso, per cui la Provincia, incaricata della realizzazione dell’opera, sta procedendo a passi rapidi per l’apertura dei cantieri».

A sorpresa l’annuncio ha dato il la a un inatteso botta e risposta tra i capigruppo di minoranza Roberto Fustinoni – di «Zogno democratica» – e Roberto Mazzoleni del gruppo Pdl-Udc. «Dobbiamo dare atto ed esprimere gratitudine ad altri Comuni della nostra provincia – ha affermato Fustinoni – per aver accettato sacrifici economici a vantaggio della variante all’ex statale 470, importantissima e ormai irrinunciabile per Zogno e per tutta la Valle Brembana». «Nel mio ruolo di rappresentante del Pdl – ha ribattuto Mazzoleni –, sento il dovere di sottolineare l’attenzione determinante dedicata al nostro paese e alla nostra valle, con il reperimento dei finanziamenti per la variante: un riconoscimento che è assolutamente doveroso. Quanto poi ai sacrifici di altri Comuni, ci sono stati, ma la Valle Brembana non poteva essere accantonata ancora una volta».

Ha chiuso il dibattito il sindaco, dopo un intervento del capogruppo della Lega, Diego Donadoni: «È un momento in cui tutti insieme si dovrebbe fare sistema per il bene comune della valle. Pur comprendendo possibili amarezze di qualcuno, ritengo che anche la nostra valle sia stata parecchio trascurata in passato, per cui l’attenzione che le viene prestata ora le è dovuta. Da parte di noi valligiani, assicuriamo l’impegno a lavorare tutti insieme».

Sergio Tiraboschi – L’Eco di