Oltre il Colle – Parcheggio esaurito e le auto in sosta sulla strada si ritrovano con una multa da 78 euro. «Assurdo – protesta qualche escursionista – quella strada va gestita in modo diverso». «Le multe non sono state più di dieci e sono state date solo a chi intralciava il traffico – replica il sindaco Rosanna Manenti –. E il divieto di sosta sulla strada è segnalato». Succede lungo la strada comunale che da Plassa di sale alle pendici dell’Arera, strada recentemente aperta dal Comune.

A conclusione del tracciato si trova un parcheggio con una sessantina di posti, poi, considerato il divieto di lasciare l’auto sulla strada, non c’è altra possibilità di sostare. Ma molti, arrivati al parcheggio pieno, lasciano ugualmente l’auto lungo la strada, non volendo tornare indietro fino a Plassa. «Sono arrivata con alcuni amici intorno alle 9 – scrive al giornale un’escursionista dell’hinterland di Bergamo – e le auto sulla strada per l’Arera erano tantissime. Ma non c’erano vigili per bloccare o organizzare il traffico. Arriviamo al parcheggio pieno, parcheggiamo allora dove possibile, contro il guardrail, e controlliamo che possano ampiamente transitare le auto. E come noi hanno fatto molti altri. Come mi è stato poi confermato da altre persone, problemi di transito o di pericolo non ce n’erano. Alle 12,40, ecco i vigili: così, al nostro ritorno, verso le 17, abbiamo trovato una multa da 78 euro. E come noi diverse decine di auto». «Sono amareggiata – continua l’escursionista – e mi domando: non era più funzionale e turisticamente proficuo, richiedere una piccola cifra per il transito e la sosta, con qualcuno che, alla partenza e all’arrivo, organizzasse i parcheggi e bloccasse l’ingresso una volta raggiunto il limite? E poi, se proprio c’è il divieto di sosta, che peraltro io non ho visto salendo, perché solo alcune auto sono state multate? Per me e molti altri, l’aria dell’Arera è costata un po’ cara e mi dispiace che certi episodi diventino un incentivo alla fuga turistica». «I vigili – replica il sindaco – hanno multato le auto a monte del parcheggio, perché in sosta su una strada rurale, e poi quelle che più a valle ostacolavano il traffico. Ho chiesto ai vigili più attenzione su questa strada proprio perché mi è stato segnalato che c’era chi correva troppo. Per le prossime stagioni vedremo di regolamentare e limitare l’accesso».

L’Eco di Bergamo