Una in controtendenza. In la popolazione aumenta. Aumenta a Serina, , , e . Solo fa eccezione. Complessivamente i sei paesi, stando ai dati ufficiali, crescono. La Valle Serina contava 5.866 abitanti nel 1991, saliti a 5.981 nel 2001, a 6.005 nel 2009 e a 6.032 al 31 dicembre dello scorso anno. Vero aumento di popolazione o villeggianti che chiedono la residenza e poi non abitano in paese per la maggior parte dell’anno? «I nostri controlli sono rigorosi – dice il sindaco di Serina Michele Villarboito – e concediamo la residenza solo a chi effettivamente è presente. La crescita di Serina, quindi, è reale, diversamente da altri paesi della valle, in cui il fenomeno dei “falsi residenti” è diffuso».

«Oltre al turismo e ai servizi di qualità, “in primis” le scuole – continua Villarboito – abbiamo tantissimi artigiani, anche giovani, che si mettono in proprio e quindi si radicano sul territorio. E poi, negli ultimi anni, sono arrivati un centinaio di nuovi posti di lavoro: dalla Serbaplast al ricamificio, ed entro il 2012 arriveranno quelli del centro sanitario di . Sempre la Serbaplast ha recentemente chiesto un ampliamento della propria struttura. Intervento che, probabilmente, porterà ad altri nuovi posti di lavoro. Consideriamo poi che, rispetto ai paesi dell’alta Valle Brembana, siamo molto più vicini alle scuole superiori di ».

«L’aumento della nostra popolazione è reale – tiene a precisare il sindaco di Bracca Giovanni Marco Muttoni –. Le nostre seconde case sono veramente poche e consentono un aumento della popolazione, in estate, di 40-50 unità. L’incremento dei residenti, invece, come succede probabilmente a Costa Serina, è dovuto sia alla vicinanza coi servizi del fondovalle sia alla presenza del polo artigianale di che dà occupazione a diverse famiglie. E poi da noi gli appartamenti hanno sicuramente un prezzo inferiore.

L’Eco di Bergamo