Nel salone della scuola dell’infanzia di Branzi, normalmente adibito alle attività didattiche dei venti piccoli alunni, si è celebrata la Messa per ricordare i cento anni di vita della struttura, importante punto di riferimento per la comunità. «L’asilo – ha detto il parroco don Alfio Signorini nell’omelia – è uno dei luoghi più significativi dove l’amore veste l’abito della generosità e della gratuità». Don Signorini si è rivolto in modo particolare alle famiglie, presenti numerose alla celebrazione, nelle quali ogni giorno si sperimenta la difficoltà di amare. L’amore cristiano – ha detto – è saper perdonare e rinunciare un po’ a se stessi. È un amore che va controcorrente, fa il primo passo, ricucendo gli strappi e vincendo l’orgoglio». Un ricordo è andato alle molte suore Sacramentine che hanno seguito l’educazione dei più piccoli dalle origini fino al 2001. «Ognuno di voi – ha detto – porta nel cuore l’immagine di una di quelle suore, che ci hanno raccontato come l’amore prenda forza dall’Eucaristia che loro adoravano quotidianamente. L’asilo nel nostro paese continui a essere il motore che spinge ad amare». Dopo la celebrazione della Messa è stata aperta la che raccoglie le immagini della lunga storia della scuola materna. Sui grandi pannelli sono esposti i volti dei sacerdoti che hanno guidato la parrocchia in questi cento anni, i gruppi degli alunni con le suore e i tanti momenti di festa che hanno animato la struttura.

A disposizione dei visitatori è stato posto un quaderno per raccogliere i ricordi e le testimonianze personali legate all’asilo. Le iniziative per il centenario continuano stasera, alle 20.30, con la presentazione tecnica del progetto di ristrutturazione e domani, alle 20.30, con lo spettacolo teatrale realizzato da bambini e genitori. Domenica sarà benedetta la targa commemorativa dei cent’anni che, dopo la ristrutturazione, sarà affissa nell’asilo (doveva essere benedetta settimana scorsa, ma la cerimonia è stata rinviata, non essendo pronta la lapide). Il pranzo comunitario concluderà le manifestazioni.

Monica – L’Eco di Bergamo

Hotel, Alberghi e Appartamenti BranziFotografie Branzi
EscursioniManifestazioniCartoline antiche