In ritardo di tre anni, problemi con la prima impresa incaricata: ora è pronto. L’edificio sarà a servizio di scuole, Alberghiero e associazioni. San Pellegrino: una veduta del nuovo palasport che oggi apre i battenti. SAN PELLEGRINO TERME – Dopo quatto anni e mezzo di lavori e un ritardo di circa tre anni sulla tabella di marcia, questa mattina apre finalmente il nuovo palasport di San Pellegrino Terme, a servizio delle scuole elementari e medie, dell’istituto Alberghiero e delle associazioni sportive della cittadina termale.

Si tratta di un’opera attesissima, soprattutto dagli studenti visto che, finora, per le lezioni di educazione fisica, dovevano utilizzare una minipalestra o il cortile esterno dell’edificio scolastico in località Piazzo Basso o la vecchia palestra accanto allo stadio comunale. Mentre i ragazzi dell’istituto alberghiero, per mancanza di spazio, negli anni scorsi, hanno dovuto utilizzare palestre anche in altri paesi della Brembana.

«Finalmente il palasport è pronto – spiega l’assessore all’Istruzione Michele Pesenti –. Sarà a disposizione dei ragazzi delle scuole, elementari e medie e dell’Alberghiero, che non avranno più il disagio di spostarsi. E dalle 16 potrà essere utilizzata dalle associazioni sportive, per basket, pallavolo e calcetto». Ma la realizzazione del , costato circa un milione e 700 mila euro, non ha avuto vita facile: il cantiere era stato aperto nella primavera del 2005 e doveva concludersi entro fine 2006.

«Ma poi sono insorti problemi con l’impresa di Siracusa che aveva vinto l’appalto per le sole opere edili – spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Franco Nicolosi –. L’impresa, purtroppo, non era in grado di completare l’intervento per motivi logistici. Così si era arrivati alla rescissione bonaria del contratto: alla ditta era stato riconosciuto soltanto il lavoro realizzato a regola d’arte oltre, ovviamente, agli interventi non portati a termine. Sciolto il contratto con l’impresa siciliana il Comune ha provveduto a riappaltare i lavori più urgenti all’impresa di , ovvero il completamento del tetto e la sistemazione dell’area esterna vicino al Brembo. Un’impresa di Zanica, invece, ha provveduto alla realizzazione e alla posa dei prefabbricati mentre impiantistica, idraulica, termica, elettrica e antincendio sono stati affidati a un’impresa della provincia di Pordenone, un’impresa di Curno ha realizzato la pavimentazione e ancora la Astori di ha concluso le ultime opere».

A circa quattro anni e mezzo dall’apertura del cantiere, quindi, e con vari stop non previsti, la palestra ora è pronta: l’edificio è collegato alle vicine scuole in via Vittorio Veneto, sulla sponda sinistra del Brembo, tramite un cortile esterno: nel seminterrato, oltre agli spazi adibiti al deposito, sono stati realizzati 30 posti auto coperti, con accesso dal Lungobrembo; al piano terra ci sono campo da gioco e spogliatoi e al primo piano spogliati, depositi e locali tecnici.

Dei 30 box per auto realizzati 25 saranno affittati mentre gli altri rimarranno a disposizione del Comune.
Il palasport, il cui collaudo finale è stato fatto giovedì scorso, è pronto, ma manca ancora una tribuna. «Se troveremo i fondi – conclude l’assessore Nicolosi – la realizzeremo il prossimo anno». Intanto, da questa mattina, si apre. Palla al centro, gli studenti possono iniziare a giocare.

Silvia Salvi – L’Eco di Bergamo