Raggiunge la soglia dei trent’anni l’appuntamento primaverile degli Amici Gogìs, che questa sera alle 20 rinnovano alla Trattoria Miniere di Lenna il rito dell’assegnazione di riconoscimenti a personaggi vallari e gruppi del territorio. «Il nome Gogìs – spiega Piero , anima del gruppo – identifica quanti vivono a monte del “büs de la Gogia”, il punto fra Camerata e Lenna in cui le rocce formano la cruna di un ago». Fondatore dei Gogìs fu , «l’alpinista con le stampelle» morto nel 1998 che negli Anni Ottanta ideò il premio «Inno alla vita» destinato a offrire pubblico riconoscimento a che abbiano saputo vincere i propri limiti o particolari traumi con coraggio. Il premio «» legato alla verrà assegnato alla memoria di Enzo Ronzoni, presidente del Cai Alta Val , recentemente scomparso. A ricordarne la figura e a ricevere ulteriori riconoscimenti saranno presenti Paolo Valoti, già presidente del Cai , e Denis Urubko, 15° alpinista ad aver raggiunto la vetta di tutti gli ottomila del mondo.

Riconoscimenti andranno anche a Mario Carminati di , primario cardiologo al San Donato di , che lo scorso novembre ha operato il calciatore Antonio Cassano. Premi anche per il Rugby Valbrembana, il progetto «Donne di montagna» di e alla memoria di Franco Balestra, sacrista a Moio de’ Calvi e Ireneo Galizzi, indimenticato factotum nelle attività sociali e sportive di Camerata Cornello.

L’Eco di Bergamo