Masoni_DiavoloIl Club Alpino di Bergamo cerca giovani per valorizzare e recuperare i percorsi che costellano le . Chiesto anche l’impegno di aggiornamento dei dati on line grazie alle informazioni del Gps. aa, volontari per valorizzare i percorsi alpini cercansi. L’appello lo lancia il Clup alpino ed è rivolto a tutti gli appassionati di trekking e natura. Le Orobie bergamasche sono attraversate da una fitta rete di , un reticolo di percorsi che si arrampicano sui monti che incorniciano le vallate bergamasche. Le Sezioni e Sottosezioni di Bergamo del Club Alpino italiano da sempre hanno contribuito a mantenere, segnalare e valorizzare oltre 2000 chilometri di percorsi dal Canto Alto fino al Passo di Caronella.

«Un impegno – dicono – sostenuto soprattutto con l’indispensabile impegno dei volontari del Cai, coordinati nella Commissione Sentieri presieduta da Giandomenico Frosio, che con lavoro, intelligenza e passione hanno contribuito a far conoscere le nostre splendide bergamasche».  Negli ultimi anni l’aiuto dell’informatica ha permesso poi di conoscere la rete sentieristica per programmare e gestire con migliori risultati gli interventi. Così come l’aiuto del GPS per aggiornare il catasto provinciale dei sentieri CAI.

Enti pubblici come la , le , il Bergamasche, il Parco dei Colli di Bergamo e diverse Amministrazioni comunali hanno riconosciuto nel CAI il partner più autorevole per realizzare progetti di valorizzazione del territorio montano, dalla stampa di cartine e guide escursionistiche, ad interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sui sentieri, oppure la realizzazione di aree di sosta, botaniche e naturalistiche presso i rifugi CAI pensati anche come nuovi centri Parco Orobie Bergamasche.

Un impegno quindi non solo sui sentieri di interventi diretti di segnalazione con la classica vernice bianca e rossa, o piccone, badile e decespugliatore, ma anche davanti ad un computer per aggiornare dati, preparare progetti o rispondere alle e-mail. Con l’attivazione nel 2007 dell’area dedicata alla sentieristica digitale all’interno del sito web del CAI Bergamo l’impegno è quotidiano per vagliare le foto inviate, inviare le tracce per il GPS, vedere le segnalazioni riguardo la percorribilità e provvedere alle conseguenti risposte.

«Per continuare a fornire tutti questi servizi a tutti, condotti con tanta passione, abilità ed esperienza da Soci volontari, -fanno sapere dal Club – cerchiamo nuovi, motivati e disponibili soci volontari. Come sopra detto le attività sono aperte non solo a tutti coloro che abbiano giornate da dedicare sul campo, per provvedere alla segnaletica e alla manutenzione, ma anche a coloro che preferiscano utilizzare un computer nelle ore serali dopo il lavoro. Non è indispensabile una preparazione particolare. Ognuno può trovare quell’attività che gli è più consona».

Alessandro Cosini – DNEWS