Piazzatorre – Summit annuale in prossimità delle festività natalizie – ormai una tradizione da oltre 40 anni –, dei gruppi dell’alta Valle Brembana.

La prima volta fu nel 1969, quando rispondendo all’appello del compianto cavalier Armando Colombi e del cavalier Vincenzo Salvini, allora sindaco di , che avevano ideato una manifestazione in ricordo dei Caduti della tragedia di sul fronte russo nel corso dell’ultima guerra mondiale, accorsero tanti gruppi scarponi altobrembani. Nacque così il Trofeo , che negli anni è diventato uno degli eventi di spicco e irrinunciabili della vita della comunità dell’Alto .

Fu una felicissima intuizione – ha osservato Antonio Sarti, presidente della sezione degli alpini di Bergamo, nel corso dell’incontro conviviale avvenuto a –, perché consente di rinnovare nel ricordo dei Caduti di Russia e di tutte le altre guerre l’impegno degli alpini per le opere di pace, nel lavoro solidale di cui dobbiamo essere promotori e protagonisti. Perché i nostri morti ci chiedono di ripudiare la guerra e di lavorare per la pace».

L’edizione 2011 della manifestazione – che è itinerante nei paesi altobrembani – si terrà a Piazzatorre, dove il gruppo locale è chiamato a operare, con il supporto di tutti gli altri gruppi. L’evento è in calendario il 27 febbraio, con il consolidato clichè articolato in una serata culturale, poi la gara di sci nordico e il momento patriottico del ricordo dei Caduti. I tempi sono ancora lunghi, ma il lavoro preparatorio è tutt’altro che semplice, per cui ci si deve muovere per tempo anche sul piano finanziario.

Da qui anche l’idea di una sottoscrizione. Hanno partecipato all’incontro di presentazione, all’ Pinete di Piazzatorre, capigruppo, alpini, amici e collaboratori. Il convivio si è aperto con i saluti del capogruppo di Piazzatorre, Emilio Bianchi, e del sindaco Michele Arioli, del consigliere sezionale Luciano Quarteroni e del delegato di zona Claudio Bianchi, oltre al presidente sezionale. La manifestazione è stata presentata dal presidente del comitato organizzatore, Giovanni Curti. Il segretario Roberto Boffelli ha presentato nel dettaglio il programma della manifestazione, riassunto in un opuscolo. Sostanzialmente, l’incontro è stato il varo della manifestazione, dove ognuno si è assunto il proprio compito e si è dato il via alla macchina organizzativa dell’evento.

Sergio Tiraboschi – L’Eco di Bergamo

La Locandina del Trofeo Nikolajewka